ALCOLISMO: CONOSCIAMO I NOSTRI NEMICI; MALATTIA LENTA, PROGRESSIVA, MORTALE… SI PUO’ FERMARE?

Il gruppo Alcolisti Anonimi (A. A.) è una Associazione di persone legate da un problema comune: l’alcolismo. Insieme condividono le loro esperienze, con forza, speranza e coraggio allo scopo di risolvere il problema che ha o sta condizionando la propria Vita, e aiutando anche gli altri ad uscire dall’ Alcolismo. Questa è una malattia progressiva che nella fase cronica porta a bere sempre di più, per neutralizzare i sintomi del bere stesso, portando così la persona in un circolo vizioso che conduce ad un progressivo abbassamento della tolleranza dell’Alcool. Bere smodatamente isola la persona al punto che la sua unica compagnia diventa la bottiglia. L’Alcolista viene di solito denunciato, trattato come un bambino, condannato, deriso da molti, quando non  tollerato, evitato o ignorato da tutti gli altri. E quelli che gli vogliono bene, lo supplicano, lo minacciano e mentono quando parlano di lui. Eppure tutti questi atteggiamenti non hanno alcun effetto sul suo comportamento: egli continua a trovare sollievo solo nella bottiglia, dove trova rifugio contro la solitudine, l’ansia o il coraggio di vendicarsi di quelli che crede essere i suoi nemici, non riusndo a capire che proprio quello che ritiene alleato è invece il nemico più pericoloso. Intanto il sollievo è solo momentaneo mentre continua a crescere il costo del suo bere. La bottiglia “si prende” il suo tempo, la sia dignità, il suo denaro, fino anche la sua casa, ma soprattutto i suoi affetti, la sua famiglia, il lavoro, gli amici. E quando ha perduto tutto, la sua amata bottiglia lo lascia annegare nella sua povertà, nell’ autocommiserazione, schiavo di un desiderio insano diventato ormai bisogno insaziabile. Così l’Alcolista rimane… solo, sconfitto e impaurito. Solo… con i suoi rimorsi, con i suoi dubbi, nello scoraggiamento, nell’ abbandono. Solo, porta il peso dei suoi tormenti, del suo dolore, della vergogna, della solitudine, dell’inutilità della sconfitta. Privarlo della bottiglia, senza dargli niente che possa aiutarlo ad affrontare e superare la sua sofferenza, diventa un atto di crudeltà. E’ proprio in questo momento che un gruppo A. A. può entrare a far parte della sua vita, per sostituirsi alla bottiglia, alleviando il peso di tutti i suoi tormenti. In Alcolisti Anonimi scoprirà di non essere più solo, ma di essere in mezzo a tante persone che come lui hanno sofferto e che sono pronte ad aiutarlo.

L’unico requisito necessario per entrare in A. A., è il sincero desiderio di smettere di bere. Non vi sono quote o tasse da pagare; in quanto gruppo di autoaiuto, si autofinanzia.

A. A. non è affiliata a nessuna setta, confessione, idea politica, organizzazione od istituzione. Lo scopo primario di chi frequenta un gruppo  A. A. è di rimanere sobri ed aiutare altri Alcolisti a raggiungere la sobrietà. Ricordando quanto non sia solo importante smettere di bere, più importante ancora, è imparare a vivere senza l’Alcool.

Graie all’Associazione “La Voce Ritrovata” che ci ha dato l’opportunità di partecipare agli incontri scolastici, e lo spazio per farci conoscere, sperando che anche da Noi possa arrivare un aiuto a tante persone che hanno bisogno e sono in attesa di una mano ed una voce Amica.

Se pensi di aver problemi con l’Alcol, o informazioni, chiama: Tel. 334/3954496.

           Angelo Battocchio